Article marketing di qualità, pubblica i tuoi articoli inediti per aumentare la popolarità del tuo sito.

Stand espositivi creativi ed efficaci

Categoria: Business Pubblicato 20 Luglio 2016
Scritto da Davide Cavalleri Visite: 1337

La partecipazione ad una fiera o ad un evento fieristico aiuta a commercializzare e rendere visibili faccia a faccia i prodotti oppure i servizi dell'azienda a clienti mirati, aiuta ad interagire con possibili partner commerciali, è quindi necessario creare stand e allestimenti fieristici attraenti, fornendo ai potenziali clienti un servizio altamente particolareggiato.

Chi progetta e realizza allestimenti, per poterne creare uno efficace deve una conoscenza precisa e dettagliata sul business del cliente, altrimenti si rischia di realizzarlo su basi ed informazioni standard che possono anche essere molto lontane dalla reale identità aziendale del cliente.

La progettazione dello stand non può essere fatta se non si conoscono alcune nozioni di base circa l'azienda, non avrebbe senso fare qualcosa partendo da zero.

Prima di iniziare a lavorare è bene porsi alcune domande:

  • Quale tipo di prodotto o servizio intende proporre il cliente?

  • Qual è l'immagine di mercato dell'azienda?

  • Il cliente ha già qualche linea o idea di design che preferirebbe seguire per l'evento?

Dare risposta a queste domande è di vitale importanza per poter progettare uno stand fieristico in grado di sedurre il maggior numero di visitatori nel minor tempo possibile.

I migliori stand espositivi sono quelli che fanno un utilizzo ottimale del logo aziendale, questo aiuta i visitatori a riconoscere immediatamente il marchio, alcune soluzioni possono prevedere una rappresentazione in 3D oppure l'uso di monitor e display ad elevata illuminazione, proiezione virtuale sulle pareti.

L'ambiente delle fiere e degli eventi fieristici è solitamente molto rumoroso è quindi necessario trasmettere il messaggio giusto utilizzando al meglio le grafiche e gli elementi visivi, immagini, diagrammi, prototipi, servono per attrarre gli spettatori sfruttando l'elemento ottico, dato che il rumore sovrasta ogni messaggio sonoro.

Nella realizzazione dei contenuti per lo stand è sempre bene valutare l'utilizzo contenuto dei testi, le persone sono pigre e non amano passare il tempo a leggere testi troppo lunghi, meglio sfruttare frasi brevi, concise e dirette, immagini emozionali, se poi un visitatore vuole o ha bisogno di ulteriori dettagli possa comunicare con il personale dell'azienda.

Colori troppo scuri o al contrario troppo accesi possono influire sull'attenzione del visitatore, meglio la scelta di toni che mettano in risalto gli elementi grafici aziendali e li spingano ad una maggiore attrazione.

L'elemento visivo è quello da considerare come più importante nella progettazione dello stand fieristico, oltre allo sfruttamento di grafiche ed immagini si possono integrare proiettori video, display multimediali, video wall interattivi, attraverso i quali trasferire informazioni utili "acchiappa visitatori". Riprodurre un breve video di pochi minuti con la presentazione "emozionale" dell'azienda, può aiutare ad agganciare l'attenzione del pubblico.

La progettazione dello stand deve prevedere anche uno studio avanzato delle luci e dell'illuminazione, l'uso di faretti o luci a spot che diano luce a punti chiave dello stand aiuta a portare attenzione verso l'esposizione dell'azienda e quindi aumentare le probabilità che i visitatori siano attirati e possano interagire con il personale.

Uno stand efficace è tale se sfrutta la creatività basandosi su uno studio oggettivo e partendo da una base informativa completa e dettagliata, ogni progetto è unico perché uniche sono le prerogative di ogni azienda, così come il messaggio che si deve trasmettere.

Accedi o Registrati

Devi pubblicare articoli sul TURISMO o la CUCINA?

Scopri TurismoeCucina.it, il sito tematico per fare guest post o content marketing con una marcia in più!

Inviando questi dati autorizzi ProdottieServizi.net al trattamento dei tuoi dati ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 196/2003.