Article marketing di qualità, pubblica i tuoi articoli inediti per aumentare la popolarità del tuo sito.

Quali sono le tecniche della liposcultura

Categoria: Medicina e Salute Pubblicato 15 Luglio 2019
Scritto da Danilo De Luca Visite: 147

Per scoprire quali sono le tecniche relative all’intervento di liposcultura, occorre prima sapere che cosa succede quando ci si sottopone ad un’operazione del genere. L’esigenza da risolvere, e che è alla base dell’intervento, è quella di rimuovere il tessuto adiposo in eccesso, presente in alcune aree del corpo. Vediamo quali sono le tecniche che permettono di raggiungere tale scopo.

Tecniche di liposcultura

L’intervento di liposcultura si pone l’obiettivo di aspirare il tessuto adiposo in eccesso. Per ottenere questo, si agisce con una cannula collegata ad un aspiratore o ad una siringa. La cannula viene inserita attraverso incisioni di 2 o 3 mm, le quali sono praticate nei pressi dell’area da correggere. La cannula permette di frantumare il grasso, emulsionarlo e contemporaneamente aspirarlo. Il tutto tramite opportuni movimenti della cannula stessa.

La liposcultura tumescente è la tecnica più moderna che viene utilizzata per questo tipo di interventi. Anche detta Wet Lipo, essa aspira il grasso in eccesso e non provoca ecchimosi eccessive, né dolore post operatorio. Grazie alla liposcultura tumescente, che viene operata anche da chi si occupa di liposuzione Verona, la convalescente risulta più rapida, si verifica un più rapido assestamento delle zone operate ed anche avviene una ripresa generale più veloce.

Cosa succede dopo l’intervento

L’assestamento della pelle nel punto operato si favorisce con l’utilizzo di guaine compressive, per un determinato periodo di tempo.  Nei due giorni successivi all’intervento, si deve rimanere a riposo, evitando attività faticose ma anche saune e bagni turchi. Passati 4 o 5 giorni, si può riprendere gradatamente la propria attività quotidiana e lavorativa. Nelle prime settimane, il gonfiore e l’edema saranno visibili, per poi regredire. Il risultato finale si potrà notare in maniera più definita dopo circa 2 o 3 settimane e, nel giro di tre mesi, esso sarà raggiunto totalmente.

Accedi o Registrati

Devi pubblicare articoli sul TURISMO o la CUCINA?

Scopri TurismoeCucina.it, il sito tematico per fare guest post o content marketing con una marcia in più!

Inviando questi dati autorizzi ProdottieServizi.net al trattamento dei tuoi dati ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 196/2003.

Che cos'è il betting exchange e come funziona?

C'è spesso un po' di confusione tra chi non ha mai conosciuto il mondo delle scommesse - e in particolare le scommesse sportive – per capire la differenza tra un normale bookmaker, come Paddy Power, Coral o Bet365, e una piattaforma di betting exchange, come Betfair, Smarkets o Matchbook. Differenze sostanziali A prima vista, le piattaforme di betting exchange o scommesse alla pari offrono le stesse opportunità di un bookmaker, ma ci sono alcune differenze importanti. In primo luogo, negli gli scambi i soldi vengono ripartiti in modo diverso rispetto ai bookmaker. Gli allibratori consentono ai clienti di piazzare una scommessa su qualsiasi risultato di un evento, quindi propongono la sola scommessa offrendo i propri soldi nel caso in cui la scommessa dell’utente sia vincente. Nel betting exchange, invece non viene proposta alcuna scommessa, sono gli utenti stessi che decidono di “quotare” o meglio ipotizzare e puntare sul pronostico di un risultato contro altri utenti che punteranno sul risultato opposto. Chi vincerà, pagherà una piccola commissione alla piattaforma che offre il sistema, quindi una semplicemente percentuale sulle vincite stimate.