Article marketing di qualità, pubblica i tuoi articoli inediti per aumentare la popolarità del tuo sito.

CONSULENZA LEGALE PENALE E CIVILE: COS’È E QUANDO RICHIEDERLA

Categoria: Studi legali Pubblicato 29 Maggio 2019
Scritto da Irene Visite: 247

Hai bisogno di una consulenza legale penale e civile ma non sai da dove iniziare?

Innanzitutto, prima di capire come richiedere una consulenza legale bisogna partire dalla sua definizione.

Che cos’è una consulenza?

Una consulenza, in generale, è il parere di un professionista su una questione di specifica competenza. Il consulente ha il compito di “fare l’interesse” del proprio cliente, attraverso una serie di azioni possibili nel rispetto delle norme di legge.

Esistono molti campi in cui la figura del consulente è di primaria importanza. Solo per citarne alcuni esempi:

· Consulente legale

· Consulente del lavoro

· Consulente finanziario

· Consulente medico

· Consulente bancario

· Consulente aziendale

In questa sede, entriamo nello specifico della consulenza legale penale e civile

Chi può svolgere una consulenza legale?

La consulenza legale, nello specifico, è adoperata da avvocati iscritti all’Albo, quindi abilitati, i quali hanno il preciso compito di fornire chiarimenti ed assicurare ai propri clienti la migliore soluzione ad una questione legale. Poiché l’attività di consulenza è un’attività di tipo stragiudiziale, può essere esercitata anche da professionisti non abilitati, a patto che abbiano competenze comprovate in materia (giuristi esperti laureati in Giurisprudenza e praticanti avvocati abilitati al patrocinio).

Ci sono molte situazioni in cui è consigliabile rivolgersi ad un consulente legale, ma prima di entrare nello specifico è bene distinguere, a grandi linee, in quali categorie si specializzano queste figure professionali:

Diritto civile, che regola i rapporti tra privati (rientrano responsabilità civile, contratti, diritto di famiglia, ecc…);

Diritto penale, che eroga sanzioni penali a chiunque commetta un’azione che l’ordinamento riconosce come reato.

Quando richiedere una consulenza legale?

Una consulenza legale può essere richiesta per due ragioni:

§ Per conoscere le conseguenze giuridiche di un dato comportamento;

§ Prima di iniziare una causa in Tribunale.

Una consulenza, per intenderci, può servire anche come una semplice delucidazione sui possibili effetti giuridici di una determinata azione.

 

1. Quando richiedere una consulenza legale civile

Per capire quando richiedere una consulenza legale civile è fondamentale conoscere cos’è ed in quali campi si applicano le norme previste dal diritto civile:

Il diritto civile è un complesso delle norme di diritto privato che si applicano a tutti i cittadini. Comprende:

· Il diritto delle persone e di famiglia;

· I diritti reali e diritti di proprietà;

· Il diritto delle obbligazioni;

· Il diritto successorio.

2. Quando richiedere una consulenza legale penale

Una consulenza penale è indispensabile per evitare di cadere in reati penali, quindi notoriamente gravi. Le conseguenze di chi commette un reato di tipo penale sono, nei casi più lievi, sanzioni pecuniarie che richiedono ingenti somme di denaro e, nei casi peggiori, la detenzione. Poiché un reato è penale quando l’ordinamento giuridico lo riconosce come tale, la figura del consulente legale penale diventa indispensabile per evitare, in generale:

· Reati contro la persona

· Reati contro il patrimonio

· Reati tributari

Un consulente, come già evidenziato, è una figura professionale molto richiesta, e, soprattutto in ambito giuridico, necessaria.

Prima di rivolgersi ad un professionista, quindi, è fondamentale sapere in quale ambito del diritto si colloca precisamente la questione legale ed infine rivolgersi ad uno studio di consulenza specifico.

Accedi o Registrati

Devi pubblicare articoli sul TURISMO o la CUCINA?

Scopri TurismoeCucina.it, il sito tematico per fare guest post o content marketing con una marcia in più!

Inviando questi dati autorizzi ProdottieServizi.net al trattamento dei tuoi dati ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 196/2003.